Svizzera energia

co2ribassato: obiettivo anche per Auto Zürich

A inizio novembre, l’appuntamento per il settore automobilistico svizzero è all’Auto Zürich Car Show. Come a ogni salone dedicato all’auto, anche qui vengono presentate le ultime tendenze. E anche qui l’efficienza energetica è un tema cruciale. Il presidente del salone, Karl Bieri, racconta quali sono le novità che ci aspettano e perché il tema dell’efficienza energetica gli sta così a cuore.

Karl Bieri, l’industria automobilistica si trova attualmente di fronte a una grande svolta. Cosa significa questo per l’Auto Zürich?
Siamo consapevoli di quello che sta succedendo, e proprio per questo l’Auto Zürich Car Show da tempo non è più solo una vetrina per le novità a quattro ruote.

Che cosa significa nel concreto?
La 31a edizione dell’Auto Zürich Car Show presenta più di 40 entusiasmanti anteprime svizzere, ma funge anche da ponte tra il presente e il futuro elettrico e digitale.

Sembra interessante. Ma cosa significa nel dettaglio e cosa possono aspettarsi i visitatori in riferimento al tema del futuro?
Moltissimo. Le chance per Zurigo come città ospitante l’ePrix sono più realistiche che mai. È certamente entusiasmante poter mostrare ai visitatori le attuali auto da corsa elettriche del team e.dams di Renault. Inoltre, c’è anche l’Akademische Motorsportverein Zürich con il pilatus interamente elettrico e il flüela driverless. Vanno ad aggiungersi in pole position gli studenti del Politecnico federale di Zurigo con la Formula Student.

Karl Bieri, presidente di Auto Zürich

Tutto incentrato sulle corse di auto elettriche ma profondamente radicato nel presente. Come si presenta il futuro?
Il futuro si svela nel padiglione 5. Con il CE Trend-Tour e il New Auto World, Euronics e rinomati marchi del mondo CE (consumer electronics) mostrano dove condurrà il viaggio nel futuro. Grazie alla digitalizzazione e alla connessione in rete, l’automobile si trasformerà in un prodotto di Consumer Electronics, proprio come lo smartphone.

L’industria automobilistica è lungi dall’aver raggiunto l’unanimità quanto a quale propulsione dominerà in futuro. Cosa ne pensa lei in qualità di esperto del settore?
Motore elettrico, celle a combustione, propulsione a gas naturale, ibrido plug-in, motore a combustione tradizionale – ed esplicitamente anche il diesel – sono tutti oggetto d’acquisto in base alle esigenze degli acquirenti e alla legislazione vigente. Non credo al tanto menzionato percorso in solitaria del motore elettrico.

Quale anteprima la entusiasma di più e perché?
La nuova Nissan Leaf verrà presentata in anteprima a un salone europeo. Elettrica al 100%, vanta un’autonomia di percorrenza di 378 chilometri e un prezzo conveniente. Una lunga autonomia di percorrenza è decisiva per il successo dei veicoli elettrici, a meno che non li si utilizzi solo per brevi tratte, il che può comunque essere vantaggioso.

Mentre in passato le novità ai saloni automobilistici spiccavano per "grandezza, potenza e velocità", oggi è l’efficienza energetica ad assumere un ruolo centrale. Quali sono le anteprime in pole position che ci riserva Auto Zürich in tema di efficienza energetica?
Tutti i segmenti, anno dopo anno, presentano veicoli sempre più efficienti a livello energetico e modelli più potenti, pur avendo motori di dimensioni inferiori, grazie ai sistemi turbo e ibridi.

Quanto è importante l’efficienza energetica per lei personalmente?
Da oltre 10 anni guido veicoli alimentati a gas naturale. Questo basta a far capire il valore che ha ai miei occhi l’efficienza energetica. Ma l’aspetto emotivo non è tutto. Per un viaggio nel fine settimana mi siedo volentieri al volante di un’auto sportiva.

Con la campagna co2ribassato, SvizzeraEnergia mira a promuovere il commercio di auto con emissioni massime di CO2 pari a 95 grammi al chilometro. Un’iniziativa lodevole?
Come appena detto, io stesso guido a efficienza energetica. La ritengo una campagna molto valida, che divulga informazioni in forma piacevole e sensibilizza rispetto al tema delle emissioni di CO2. Un approccio davvero interessante: la chiarezza è la mossa vincente. Con i divieti di circolazione non penso si ottenga molto!

Torniamo alla corsa: il team di F1 Sauber torna all’Auto Zürich. È ancora in linea con il nuovo salone automobilistico?
Certamente, perché il progresso nell’industria automobilistica approfitta anche oggi degli sviluppi nell’ambito della corsa. Basta pensare alla tecnologia ibrida KERS. Sono entusiasta del ritorno di Sauber, perché questa vicinanza alla popolazione sottolinea anche la swissness del team di Hinwil.

Un grande tema del futuro è la guida autonoma. Non vede l’ora di poter lasciarsi guidare mentre legge il giornale o guarda un video? O le dispiacerebbe lasciare il volante?
Secondo alcune previsioni si dovrà aspettare almeno il 2040 per poter leggere il giornale o sdraiarsi mentre l’auto si guida da sola. Forse – se sono molto fortunato – potrò vivere questa esperienza. Ma per il momento tengo il volante ben saldo tra le mani.